Email Marketing, ecco come ottimizzare le vendite.

Email Marketing, il ritorno.

Il ritorno dell’email all’ennesima potenza. Si chiama email marketing. Diciamocelo, nessuno pensava che l’email ritornasse come elemento centrale del web. Eppure al centro di ogni iscrizione, accesso, condivisione, pagamento e altro c’è lei, la cara ed eterna email. Anche se avvolte, in modo non apprezzabile, è portatrice di sventure. Questo è il caso del phishing di cui abbiamo parlato un po’ di tempo fa. Vi starete chiedendo come facciamo ad utilizzare uno strumento come la mail per migliorare i guadagni e le conversioni, semplice, creiamo il nostro funnel di conversione e contempliamo la mail come strumento utile al reperimento di lead e alla fidelizzazione di utenti targhettizzati. Lo so lo so, starete pensando che faccio lo sborone sparando termini alla rinfusa. Non è così! 😉

Comprendiamo l’email marketing

Come dicevamo l’email è configurato come elemento centrale di ogni comunicazione e gestione del social di turno o pagamento paypal, per questo motivo il tasso di apertura di ogni casella email aumenta sempre più e le probabilità di attecchire ad una campagna newsletter risulta sempre più alta.  Utilizzate dunque le newsletter per deliziare i contatti (o lead) già acquisiti, create automazioni di invio per azioni specifiche adottate dai tuoi clienti quando visitano il tuo e-commerce. Hai mai ricevuto una mail con lo sconto dopo aver abbandonato un carrello su un e-commerce online? Ecco, adesso sai come avviene il tutto e perché. La parola d’ordine è aumentare i profitto e il traffico al fine di convertire quanti più visitatori in clienti fidelizzati. Il segreto, infatti, sta nel mantenere attivi i vecchi clienti e aggiungerne sempre di nuovi, in questo modo il trend mensile di guadagno non può che aumentare. Strumenti utili per poter fare questo in modo più facile e veloce? Utilizzare piattaforme online dedicate a questo. Tra le migliori piattaforme di email marketing le più diffuse sono Mailchimp e Send in Blue, facile da configurare e semplici da utilizzare. Sfortunatamente qualsiasi strumento online può solo aiutarvi nella creazione di database di contatti e nella configurazione facilitata di email targhettizzate ma non possono aiutarvi nella creazione di strategie performanti. In tal caso non esitare a chiederci consigli in merito, lo sai siamo qui per questo. 😉



Cosa fare ora?

Semplice! Adesso avete gli strumenti per migliorare il vostro business e fare email marketing, cosa dovete fare? Spremetevi le meningi e pensate a quando un’email pubblicitaria, e non, può migliorare l’esperienza utente o a quando può convertire un potenziale cliente non interessato in un cliente pronto a pagare per i vostri prodotti o servizi. Ha abbandonato il carrello? Bene, ricordate che anche queste sono opportunità, un cliente che ha abbandonato un carrello è un cliente che per il 70% è già interessato a ciò che gli offrite, vi basta dargli una piccola spinta verso il checkout con uno sconto coupon per chiudere il carrello e il gioco è fatto. E come glielo invierete? La risposta la sapete. Nei dati di registrazione gli avete chiesto la data di nascita? Perfetto, non vi basta che inviare una mail a tutti i vostri clienti nel giorno del compleanno e il gioco è fatto. Ricordate, non inviate troppe email a raffica senza una logica, rischiereste di farvi penalizzare dagli ISP (Fornitore di servizi internet) come Gmail e libero, e farvi smistare le vostre email nella cartelle Spam o posta indesiderata. In tal caso addio strategie di marketing e funnnel di conversione, dovrete poi fare un casino per risistemare tutto.

Analisi

Abbiamo inviato la nostra campagna Newsletter, come facciamo a capire gli andamenti e i comportamenti dei clienti? Vi basterà analizzare cliccatori, lettori, bounce hard e soft per capire se le persone apprezzano le vostre comunicazioni oppure le reputano indesiderate. Analizzando questi dati potrete tranquillamente aggiustare il tiro dei vostri messaggi targhettizzando sempre di più i contenuti. Mi raccomando controllate la baounce hard, se troppi clienti escono subito dalla mail inviata vuol dire che non sono interessati e per questo gli ISP vi penalizzeranno. In tal caso consiglio di eliminare la mail del mittente incriminato dalla lista d’invio, meglio meno clienti a cui inviare le mail che troppi che vi penalizzano. Insomma, meglio pochi ma buoni.

 

Da AlterSocial è tutto, come sempre vi aspettiamo nei commenti.

Questo articolo ti è stato Utile? Seguici su Facebook




buzzoole code

Sommario Google
Email Marketing, ecco come ottimizzare le vendite.
Titolo
Email Marketing, ecco come ottimizzare le vendite.
Descrizione
Email Marketing, ecco come utilizzare gli strumenti utili per migliorare vendite e traffico sul proprio sito internet o e-commerce.
Autore
Nome Editore
AlterSocial
Logo Editore

Lascia un commento