Gmail phishing, ritorna la truffa tramite mail

Gmail Pishing
Truffa tramite mail
Ritorna la truffa tramite gmail per rubare i dati d’accesso.




Gmail phishing, ritorna la truffa tramite mail.

Gmail phishing in agguato, account google nuovamente presi di mira da Cracker mal intenzionati. Se ritrovi nella tua posta elettronica una mail anonima o proveniente dallo stesso Google che ti chiede di scaricare un allegato, magari un file zippato, STOP! Non farlo, o almeno pensaci un secondo. La truffa alle Gmail in stile phishing riprende la sua avanzata famelica di sprovveduti che senza accorgersene cedono i propri dati personali. Niente paura, ti diciamo noi cosa fare, o meglio cosa non fare.

Come funziona una Mail in stile phishing?

Semplice, quello che vedi in realtà non corrisponde a verità. Mettiamo che tu sia a casa e ti ritrovi all’improvviso una mail nella casella di posta con un allegato. Credi di fare cosa buona e giusta nello scaricare l’allegato, magari un file zip o rar, cosa succede? Niente! Quello che hai cliccato non è un file ma solo un’immagine collocata strategicamente nell’email che, collegata ad un link, ti porterà su una nuova pagina. Molto spesso succede che la pagina di atterraggio non sia una pagina anonima e perciò l’utente, findandosi, legge il contenuto e segue le istruzioni. Se la pagina web dove sei atterrato è una pagina Google o Amazon, e per caso ti chiede di inserire i tuoi dati di accesso, beh io ti consiglierei di non farlo, perchè la truffa Gmail Phishing è proprio dietro l’angolo. I Cracker furbetti hanno infatti creato una pagina web clone di Google che richiede le credenziali del tuo account, solo che non è Google a riceverli ma qualche mal intenzionato che ne vorrà di certo fare un uso discutibile. Cosa fare quando riceviamo una di queste email? Non scaricare allegati da fonti anonime o non sicure e non caricare dati sensibili se ci si ritrova su pagine web aperte da immagini o da azioni non collegate semanticamente. Se Google vuole invitarti a visionare dei file, ti invia dei link collegati a dei suoi spazi hosting sul suo forum non ti zippa i file per metterteli nella gmail.

Hai bisogno di migliorare la tua presenza online, oppure vuoi aprire un Blog proprio come questo, un sito aziendale o un ecommerce. Contattaci, saremo lieti di aiutarti.

Dove guardare se la mail sa di marcio?

Sei sul divano hai aperto la mail ed hai, incautamente, cliccato sul finto allegato. A questo punto ti trovi su una pagina di Google che ti chiede di inserire i tuoi dati, cosa fai? Il mio primo pensiero è TRUFFA GMAIL PHISHIIIIING, scappaaaaaaaa. Ma tu lo so non farai così, allora ti consiglio di alzare lo sguardo e controllare il certificato di sicurezza. Insomma controlla se davanti alla url c’è un bel HTTPS sparato in verde, se c’è allora forse forse ti trovi su una pagina Google, altrimenti questi cracker si sono mossi meglio del previsto. Non conosci il funzionamento del certificato https? Ne parlo in questo articolo. il sito LifeHacker, che spesso ci aiuta a capire meglio il comportamento dei Cracker, ha rilevato che tale pagina non ha la solita URL HTTPS sicura, bensì è un data URI con prefisso data:text/html. Mi raccomando attenti, se cedete alla truffa rischiate non solo di consegnare nelle mani dei carnefici i vostri dati di accesso ma anche di far inviare inconsapevolmente altre email truffa a tutti i vostri contatti Gmail. Pensate se i vostri amici ricevessero una email a vostro nome con la procedura incriminata, come farebbero a non caderci?

Soluzione

Non c’è una vera soluzione, se non comportarsi da Digital Literate e comprendere al volo un comportamento insolito sul web, evitando le gmail pishing. Per farlo potresti visionare il manuale di Marco Biagiotti per utilizzare al massimo, e in modo strategico, gmail (Google Gmail – Manuale Completo: Funzionalità basilari e avanzate di Google Gmail per utilizzi strategici. (Google Apps, Manuali Completi Vol. 2)manuale gmail. Nel frattempo però Google si è mosso e dalle versioni Chrome v56.0.2924 sta cercando di aiutare gli utenti inserendo un messaggio Non Secure nella barra degli indirizzi, ma non tutti alzano gli occhi. Quindi  evitate problemi e alzate gli occhi al cielo, ops forse un po’ più in basso, e controllate la url (l’indirizzo internet), quando accidentalmente cliccate su un allegato inserito in una gmail proveniente da fonti anonime. Ah e non fidatevi di email che puzzano di gmail pishing provenienti dai contatti di vostri amici, potrebbero essere stati attaccati e avere un account ormai compromesso. E se avete un po’ di tempo potete leggere l’informativa di Google sull’evitare e segnalare l’email phishing.

Spero che questo articolo sul Gmail phishing possa essere stato utile, e se avete dubbi o domande non aspettate, in questo caso abbassate gli occhi e sotto a questo articolo lasciate un commento, risponderò e vi aiuterò nel più breve tempo possibile.

Questo articolo ti è stato Utile? Seguici su Facebook




Sommario Google
Gmail pishing, ritorna la truffa tramite mail.
Titolo
Gmail pishing, ritorna la truffa tramite mail.
Descrizione
Gmail pishing in agguato, account google nuovamente presi di mira da Cracker mal intenzionati. Scopri come evitarlo e come non caderci più.
Autore
Nome Editore
AlterSocial
Logo Editore

Post Correlati

Lascia un commento